Come lavoro

Home / Come lavoro

“Nessuno è rinchiuso in un angolo; nessuno è vincolato dalle circostanze; nessuno è vittima degli eventi della propria vita. Persino i più ovvi accadimenti della vita quotidiana potrebbero mostrarsi totalmente trasformati, se fossimo sufficientemente inventivi da costruirli in maniera diversa.”
George A. Kelly

“Nessuno è rinchiuso in un angolo; nessuno è vincolato dalle circostanze; nessuno è vittima degli eventi della propria vita. Persino i più ovvi accadimenti della vita quotidiana potrebbero mostrarsi totalmente trasformati, se fossimo sufficientemente inventivi da costruirli in maniera diversa.”
George A. Kelly

In psicologia clinica esistono molteplici orientamenti teorici e ogni professionista sceglie di approfondire l’approccio in cui maggiormente si riconosce.
L’orientamento teorico su cui mi sono formata e che adotto nella pratica clinica è il costruttivismo ermeneutico di George Albert Kelly.

Secondo tale approccio, l’essere umano è costantemente in movimento, impegnato nel dare significato agli eventi che vive: l’esperienza della persona è quindi una ricerca di senso, un’esplorazione. Fare esperienza è come navigare in mare aperto.

A volte, però, può accadere che la persona, in un particolare momento della propria vita, incontri delle difficoltà nel continuare a dare un senso alle cose. È come se l’individuo non riuscisse più a muoversi nel mondo, trovandosi incagliato in modalità di azione inefficaci, come una barca che continua a sbattere sullo stesso scoglio e non riesce a cambiare rotta.

L’orientamento costruttivista offre la possibilità di costruire nuove strade percorribili: psicologo e paziente lavorano insieme per cercare rotte alternative affinché la barca possa riprendere a navigare.

La relazione tra psicologo e paziente è una collaborazione, “una danza a due”, un muoversi insieme, dove il terapeuta è l’esperto delle tecniche di indagine e di cambiamento, mentre il paziente è l’esperto di se stesso e della propria storia.

Il costruttivismo è un approccio centrato sulla persona: ogni individuo è unico ed irripetibile e possiede un proprio punto di vista peculiare sulla realtà.

Fondamentali sono quindi l’assenza di giudizio e l’accettazione incondizionata dell’Altro: lo psicologo si rende autenticamente disponibile a guardare il mondo con gli occhi dell’Altro, a comprendere e legittimare il punto di vista del paziente, ad ascoltarlo con attenzione, rispetto e genuina curiosità.

L’approccio costruttivista per me ormai non rappresenta soltanto l’orientamento professionale con cui opero nella pratica clinica, ma anche un modus vivendi, un modo generativo di guardare alla vita.

PRENDI UN APPUNTAMENTO